Ruta de los 7 lagos (giorno 2)


13 novembre 2014

Che notte...sulla sedia!!! Niente freddo ma il collo era mezzo bloccato per le strambe posizioni assunte. Mi sono alzato con calma e sistemato lo zaino sono andato a vedere gli amici di Bahia Blanca pescare. Hanno preso un salmone per cucinarmelo e nell'attesa mi sono rilassato e riscaldato intorno al fuoco. Oggi il tempo era nuvoloso è c'era un venticello fresco. Ho passato la mattinata fino all'ora di pranzo in loro compagnia. Mangiato il delizioso salmone appena pescato sono ripartito. Per riprendere la strada principale erano 2 km di sterrato passando tra greggi di pecore, vacche e cavalli. I panorami erano belli anche oggi ma con il cielo grigio non è lo stesso. Per rifocillarmi con frutta e noci ho preso la deviazione per il lago Hermoso e mi sono riposato una mezz'oretta. L'età si fa sentire ed il ginocchio destro mi si è infiammato ma ho comunque portato a termine il percorso fino a San Martin de los Andes. Per fortuna gli ultimi 12km erano tutti in discesa ma che freddo con il vento gelido sulla maglia sudata! Lungo la strada ho incontrato due francesi partiti a piedi per lo stesso tragitto ed uno era accasciato in attesa di un passaggio. Il suo ginocchio aveva ceduto definitivamente! Per trovare da dormire ho chiesto in giro e mi sono rapidamente sistemato. Non vedevo lora di farmi una doccia! (120ars/11€). Un venditore di stracci ('no stracciarolo!) stava infornando 5 kg di carne e siccome non avevo voglia di uscire con quel freddo gli ho pagato una parte della carne per cenare con lui. Dopo qualche chiacchiera, qualche birra ed un dolce tipico che assomiglia ad una crostata mi sono ritirato e come al solito sono svenuto in cinque secondi netti! C'è un'usanza alla quale non riesco ad abituarmi. In Sud America sono abituati a bere tutto molto freddo quasi gelato. Quando gli rimane della birra nel bicchiere per più di cinque minuti la buttano e ne servono dell'altra. Se volete fare così va bene ma non buttate la mia che per i nostri standard la temperatura è più che accettabile. Noi siamo quelli della Peroni a temperatura ambiente!


comments powered by Disqus