S.ta Cruz - 2


Foto 1
Foto 1

5 ottobre 2014

S.ta Cruz la domenica mattina è veramente vivace e piena di gente che conclusa la messa si ritrova nelle piazze cercando riparo dalla calura sotto le fronde degli alberi. Dopo aver assistito ad un controllo medico gratuito (foto 1) con tanto di referti rilasciati sul posto, pillole somministrate a chi ne avesse avuto bisogno ed informative sul come mantenersi in salute ho preso i bagagli e mi sono incamminato verso un presunto terminal dei trufis (pulmini locali da 30 posti) che quasi nessuno sapeva indicarmi. Percorsa metà strada a piedi e l'altra metà con un micros (3bob/0,4€) sono giunto al "terminal", un polveroso incrocio con bancarelle, piccoli punti di ristoro ed un bel comizio per la chiusura della campagna elettorale dell'attuale presidente della Bolivia Evo Morales. Già due mandati consecutivi rappresenta comunque il cambiamento visto che è stato il primo nativo boliviano a ricoprire la massima carica dello Stato.

S.ta Cruz 14:00 -> Vallegrande 19:00 (35bob/4€)


Ma quant'è bello spostarsi con i mezzi locali (foto 2)! È questo uno dei momenti in cui si entra maggiormente in contatto con la parte più autentica di un paese. Gente che scende e che sale semplicemente urlando "Pare!" (ferma!) o facendo un cenno con la mano dal ciglio d'una strada in mezzo al nulla. C'è chi carica ogni genere alimentare e talvolta anche animali ma questa volta è salito un curandero (foto 3. Una specie di medico...senza diplomi) che ha parlato senza sosta per 30 minuti per tentare di vendere delle bustine contenenti una polverina miracolosa per pulire stomaco ed il colon. Insomma...un lassativo! La cosa più sorprendente è che almeno la metà dei passeggeri l'ha acquistato. Non pago del successo commerciale appena ottenuto ha tirato fuori un unguento contro l'artrite e dolori reumatici ed anche questo prodotto ha ricevuto l'approvazione dei miei compagni di viaggio. Non mi vergogno a dire di averne uno nello zaino! Mi è stato regalato da Disney il ragazzo con il quale ho chiacchierato di politica e di religione per metà tragitto.

Foto 3
Foto 3

La strada percorsa è stata molto suggestiva. Costeggiava il Parque Nacional de Amboro' dove pareti rocciose a strapiombo e vallate di un verde lussureggiante percorse da piccoli torrenti facevano da cornice ai pochi campesinos (contadini) che lavoravano esigue porzioni di terra con arnesi arrugginiti trainati da buoi. La seconda metà dello spostamento l'ho condiviso con una coppia di ragazzi e la loro bellissima nipotina. Oramai è buio pesto quando arrivo a Vallegrande divenuta famosa grazie ad Ernesto "Che" Guevara. Venne ucciso nell'ottobre del 1967 dell'esercito boliviano in un paesino qui vicino per poi essere sepolto in gran segreto sotto la pista dell'aeroporto di Vallegrande. Solo trent'anni dopo nel 1997 uno dei soldati che aveva partecipato alla sepoltura fece trapelare la notizia il corpo fu riesumato e portato a Cuba per i funerali ufficiali.


Per concludere la giornata una bella cena a base di carne (foto 4. 42bob/5€).

Foto 4
Foto 4

comments powered by Disqus