Cinque mesi in Sud America


2 ottobre 2014

Quando ho iniziato a progettare questo viaggio era chiaro che sarei partito da solo ma non avevo idea del tornado di emozioni che avrei provato ancora prima della partenza. Ma facciamo un passo indietro riassumendo brevemente la causa che ha dato origine al tutto. Il 30 Agosto 2014 Ilaria ed io siamo tornati da un viaggio vacanza in Turchia ma questa volta concluse le ferie mi sono trovato senza lavoro (meglio sorvolare su questa storia). Dopo otto anni di routine fatta di lavoro/ferie/lavoro questa volta avevo tempo libero e qualche risparmio. Questo ha portato i miei pensieri ad un'idea che mi frullava in testa da almeno tre anni e cioè un viaggio di cinque-sei mesi da qualche parte nel mondo. Le alternative valutate sono state India/Birmania/Nepal ed il Sud America con Argentina/Cile/Uruguay. Ho scelto la seconda meta soprattutto per via della lingua ed ho immediatamente cominciato a tirare giù una bozza di itinerario. Dopo pochi giorni le date erano fissate 2/10/2014 -> 19/02/2015 ed anche se mentre valutavo i costi dei voli le avevo viste e riviste non avevo ancora ben realizzato che sarei stato lontano da casa per quasi cinque mesi. I preparativi assorbivano tutti i miei pensieri e tra vaccini, attrezzature moderne (come questo Smart Phone dal quale scrivo) e vestiario i giorni passavano rapidamente mentre la data del 2/10 si avvicinava. I dieci giorni che hanno preceduto la partenza sono stati un misto di paura di non farcela da solo, entusiasmo perché avrei realizzato un sogno e tristezza per non poterlo condividere con Ilaria ma è questo il momento giusto per farlo e quindi che il viaggio abbia inizio!!!

3 ottobre 2014

Dopo 24h di viaggio, due voli, un trenino ed un bus locale sono arrivato al mio ostello a Rio De Janeiro. È andato quasi tutto liscio se non fosse che l'impeccabile British si è dimenticata il mio zaino a Londra. Dicono che entro stasera arriverà in ostello...speriamo anche perché domani ho un volo alle 7:00 e sarebbe un peccato non avere con me il sacco a pelo, i sandali, le scarpe da ginnastica (ai piedi ho i carrarmati da trekking) ed il mio bel pile caldo.

Oggi giornata di relax con visita al Cristo redentore. È veramente imponente ma la cosa piu impressionante è il panorama a 360 gradi. Ma siamo sicuri che non ci fosse niente di più spettacolare da inserire nelle sette meraviglie del mondo moderno? Per esempio Angkor Wat...


comments powered by Disqus