Il nostro secondo Dottore...

Parliamo oggi del secondo Dottore, quel Patrick Troughton George che William Hartnell definì come l'unico in grado di poter prender prendere il suo posto. Nato a Mill Hill, nella zona nord di Londra, secondo figlio di tre (ha un fratello maggiore e una sorella minore), a differenza del suo pedecessore Troughton ha portato avanti i propri studi quasi interamente nel suo luogo di nascita, finché non vinse una borsa di studio presso John Drew Memorial Theatre di Long Island, a New York. Successivamente partì per la seconda guerra mondiale, al termine della quale tornerà a casa con due decorazioni (la 1938-45 Star e l'Atlantic Star) e diverse "mensioni nei dispacci".

Tornato in Inghilterra riprenderà in mano la sua carriera teatrale, alla quale però preferirà quella televisiva. Dopo alcuni ruoli minori infatti (avrà una piccola parte ne "Il fuggitivo" del 1948, sul set del quale conoscerà William Hartnell), diventerà il primo attore a portare sul piccolo schermo il personaggio di Robin Hood. Parteciperà poi successivamente a moltissime altre produzioni, sia cinematografiche che televisive.

Nel 1966 viene chiamato a sostituire Hartnell nel ruolo del Doctor Who. Troughton non ci pensò due volte, e decise che il suo Dottore avrebbe dovuto essere molto diverso dal predecessore, che era una figura un po' patriarcale. Inizialmente pensò a diverse soluzioni, come un ipotetico "lupo i mare" (o dello spazio, in questo caso...) o una figura piratesca con turbante. Fu però l'autore Sidney Newman a dare il giusto input a Troughton, suggerendo che questo Dottore avrebbe potuto essere una specie di vagabondo cosmico, con un'impostazione simile a quella di Charlie Chaplin. E così nacque il secondo Dottore, il primo inoltre ad avere il proprio volto nella sigla iniziale e, in una serie di episodi ("Il nemico del mondo"), ad interpretare sia il Dottore sia il cattivo di turno, Salamander.

Raramente Troughton rilasciò interviste, e quelle poche volte si giustificò dicendo che "La recitazione è magia. Se vi dico tutto di me, poi rischio di rovinarmi!". In un altra di queste rare occasioni dichiarò di voler evitare un'eccessiva esposizione per non rischiare di rimanere incastrato in questo tipo di personaggio. Proprio questa paura fu alla base della decisione di lasciare, nel 1969, il ruolo che era stato suo per tre stagioni, creando quella che per anni fu conosciuta nell'ambiente come "Legge di Troughton", ovvero evitare di impersonare un personaggio per troppo tempo per non essere identificato esclusivamente con il personaggio  stesso (in inglese il fenomeno è chiamato typecasting).

Il secondo Dottore avrà al suo fianco sei companions: nella quarta stagione Polly e Ben Jackson, che dopo sei episodi verranno sostituiti da Jamie McCrimmon, che rimarrà con lui fino alla fine della sesta serie. Avranno in alcune occasioni spazio anche Victoria Waterfield, Zoe Heriot e il brigadiere Lethbridge-Stewart.

Purtroppo del Dottore di Troughton sono rimaste pochissime tracce, a causa dell'abitudine dell'epoca di riutilizzare le pellicole per fare altri girati. Delle tre stagioni dell'attore di Mill Hill, le prime due contano purtroppo pochissimi frammenti.

Troughton morirà il 28 marzo 1987, stroncato da un infarto, dopo aver più volte ignorato gli avvertimenti del proprio medico riguardo al fatto di doversi riposare e nonostante avesse avuto precedentemente altri due infarti che lo costrinsero a rimanere per mesi lontano dal proprio lavoro.

Patrick Troughton (25 marzo 1920 - 28 marzo 1987).
Patrick Troughton (25 marzo 1920 - 28 marzo 1987).